Seven Wonders Of The World Research Paper

"7 Wonders of the Ancient World" redirects here. For the video game, see 7 Wonders of the Ancient World (video game).

The Seven Wonders of the World or the Seven Wonders of the Ancient World is a list of remarkable constructions of classical antiquity given by various authors in guidebooks or poems popular among ancient Hellenic tourists. Although the list, in its current form, did not stabilise until the Renaissance, the first such lists of seven wonders date from the 1st-2nd century BC. The original list inspired innumerable versions through the ages, often listing seven entries. Of the original Seven Wonders, only one—the Great Pyramid of Giza (also called the Pyramid of Khufu, after the pharaoh who built it), the oldest of the ancient wonders—remains relatively intact. The Colossus of Rhodes, the Lighthouse of Alexandria, the Mausoleum at Halicarnassus, the Temple of Artemis and the Statue of Zeus were all destroyed. The location and ultimate fate of the Hanging Gardens are unknown, and there is speculation that they may not have existed at all.

Background

The Greek conquest of much of the known western world in the 4th century BC gave Hellenistic travellers access to the civilizations of the Egyptians, Persians, and Babylonians.[1] Impressed and captivated by the landmarks and marvels of the various lands, these travellers began to list what they saw to remember them.[2][3]

Instead of "wonders", the ancient Greeks spoke of "theamata" (θεάματα), which means "sights", in other words "things to be seen" (Τὰ ἑπτὰ θεάματα τῆς οἰκουμένης [γῆς] Tà heptà theámata tēs oikoumenēs [gēs]). Later, the word for "wonder" ("thaumata" θαύματα, "wonders") was used.[4] Hence, the list was meant to be the Ancient World's counterpart of a travel guidebook.[1]

The first reference to a list of seven such monuments was given by Diodorus Siculus.[5][6] The epigrammist Antipater of Sidon[7] who lived around or before 100 BC,[8] gave a list of seven such monuments, including six of the present list (substituting the walls of Babylon for the lighthouse):[9]

I have gazed on the walls of impregnable Babylon along which chariots may race, and on the Zeus by the banks of the Alpheus, I have seen the hanging gardens, and the Colossus of the Helios, the great man-made mountains of the lofty pyramids, and the gigantic tomb of Mausolus; but when I saw the sacred house of Artemis that towers to the clouds, the others were placed in the shade, for the sun himself has never looked upon its equal outside Olympus. – Greek Anthology IX.58

Another 2nd century BC observer, who claimed to be the mathematician Philo of Byzantium,[10] wrote a short account entitled The Seven Sights of the World. However, the incomplete surviving manuscript only covered six of the supposedly seven places, which agreed with Antipater's list.[3]

Earlier and later lists by the historian Herodotus (484 BC–ca. 425 BC) and the architect Callimachus of Cyrene (ca. 305–240 BC), housed at the Museum of Alexandria, survived only as references.

The Colossus of Rhodes was the last of the seven to be completed, after 280 BC, and the first to be destroyed, by an earthquake in 226/225 BC. Hence, all seven existed at the same time for a period of less than 60 years.

Scope

The list covered only the sculptural and architectural monuments of the Mediterranean and Middle Eastern regions,[10] which then comprised the known world for the Greeks. Hence, extant sites beyond this realm were not considered as part of contemporary accounts.[1]

The primary accounts, coming from Hellenistic writers, also heavily influenced the places included in the wonders list. Five of the seven entries are a celebration of Greek accomplishments in the arts and architecture (the exceptions being the Pyramids of Giza and the Hanging Gardens of Babylon).

Wonders

NameDate of constructionBuildersDate of destructionCause of destructionModern location
Great Pyramid of Giza2584–2561 BCEgyptiansStill in existence, majority of façade goneGiza Necropolis, Egypt
29°58′45.03″N31°08′03.69″E / 29.9791750°N 31.1343583°E / 29.9791750; 31.1343583 (Great Pyramid of Giza)
Hanging Gardens of Babylon
(existence unresolved)[11]
c. 600 BC (evident)Babylonians or AssyriansAfter 1st century ADUnknownHillah or Nineveh, Iraq
32°32′08″N44°25′39″E / 32.5355°N 44.4275°E / 32.5355; 44.4275 (Hanging Gardens of Babylon)
Temple of Artemis at Ephesusc. 550 BC; and again at 323 BCGreeks, Lydians356 BC (by Herostratus)
AD 262 (by the Goths)
Arson by Herostratus, plunderingNear Selçuk, Turkey
37°56′59″N27°21′50″E / 37.94972°N 27.36389°E / 37.94972; 27.36389 (Temple of Artemis at Ephesus)
Statue of Zeus at Olympia466–456 BC (temple)
435 BC (statue)
Greeks5th–6th centuries ADDisassembled and reassembled at Constantinople; later destroyed by fireOlympia, Greece
37°38′16.3″N21°37′48″E / 37.637861°N 21.63000°E / 37.637861; 21.63000 (Statue of Zeus at Olympia)
Mausoleum at Halicarnassus351 BCGreeks,[12][13]Persians, Carians12th–15th century ADEarthquakesBodrum, Turkey
37°02′16″N27°25′27″E / 37.0379°N 27.4241°E / 37.0379; 27.4241 (Mausoleum at Halicarnassus)
Colossus of Rhodes292–280 BCGreeks226 BC226 BC Rhodes earthquakeRhodes, Greece
36°27′04″N28°13′40″E / 36.45111°N 28.22778°E / 36.45111; 28.22778 (Colossus of Rhodes)
Lighthouse of Alexandriac. 280 BCGreeks, Ptolemaic EgyptiansAD 1303–14801303 Crete earthquakeAlexandria, Egypt
31°12′50″N29°53′08″E / 31.21389°N 29.88556°E / 31.21389; 29.88556 (Lighthouse of Alexandria)

Influence

Arts and architecture

The seven wonders on Antipater's list won praises for their notable features, ranging from superlatives of the highest or largest of their types, to the artistry with which they were executed. Their architectural and artistic features were imitated throughout the Hellenistic world and beyond.

The Greek influence in Roman culture, and the revival of Greco-Roman artistic styles during the Renaissance caught the imagination of European artists and travellers.[15] Paintings and sculptures alluding to Antipater's list were made, while adventurers flocked to the actual sites to personally witness the wonders. Legends circulated to further complement the superlatives of the wonders.

Modern lists

Of Antipater's wonders, the only one that has survived to the present day is the Great Pyramid of Giza. Its brilliant white stone facing had survived intact until around 1300 AD, when local communities removed most of the stonework for building materials. The existence of the Hanging Gardens has not been proven, although theories abound.[16] Records and archaeology confirm the existence of the other five wonders. The Temple of Artemis and the Statue of Zeus were destroyed by fire, while the Lighthouse of Alexandria, Colossus, and tomb of Mausolus were destroyed by earthquakes. Among the artifacts to have survived are sculptures from the tomb of Mausolus and the Temple of Artemis in the British Museum in London.

Still, the listing of seven of the most marvellous architectural and artistic human achievements continued beyond the Ancient Greek times to the Roman Empire, the Middle Ages, the Renaissance and to the modern age. The Roman poet Martial and the Christian bishop Gregory of Tours had their versions.[1] Reflecting the rise of Christianity and the factor of time, nature and the hand of man overcoming Antipater's seven wonders, Roman and Christian sites began to figure on the list, including the Colosseum, Noah's Ark and Solomon's Temple.[1][3] In the 6th century, a list of seven wonders was compiled by St. Gregory of Tours: the list[17] included the Temple of Solomon, the Pharos of Alexandria and Noah's Ark.

Modern historians, working on the premise that the original Seven Ancient Wonders List was limited in its geographic scope, also had their versions to encompass sites beyond the Hellenistic realm—from the Seven Wonders of the Ancient World to the Seven Wonders of the World. Indeed, the "seven wonders" label has spawned innumerable versions among international organizations, publications and individuals based on different themes—works of nature, engineering masterpieces, constructions of the Middle Ages, etc. Its purpose has also changed from just a simple travel guidebook or a compendium of curious places, to lists of sites to defend or to preserve.

See also

References

  1. ^ abcde"The Seven Wonders of the Ancient World". Retrieved 2009-09-14. 
  2. ^"History of the Past: World History". 
  3. ^ abcPaul Lunde (May–June 1980). "The Seven Wonders". Saudi Aramco World. Retrieved 2009-09-12. 
  4. ^Clayton, Peter; Martin J. Price (1990). The Seven Wonders of the Ancient World. Routledge. p. 4. ISBN 978-0-415-05036-4. 
  5. ^Diodorus Siculus. Bibliotheca Historica, Books I-V. 2.11.5: Perseus Project, Tufts University. 
  6. ^Clayton, Peter A.; Price, Martin. The Seven Wonders of the Ancient World. Routledge. p. 158. ISBN 9781136748097. Retrieved 25 November 2016. 
  7. ^Greek Anthology, Volume III. Book 9, chapter 58: Perseus Project, Tufts University. 
  8. ^Biographical Dictionary Volume III. Society for the Diffusion of Useful Knowledge. p. 48. Retrieved 25 November 2016. 
  9. ^Clayton, Peter A.; Price, Martin. The Seven Wonders of the Ancient World. Routledge. p. 10. ISBN 9781136748103. Retrieved 25 November 2016. 
  10. ^ abThe New Encyclopædia Britannica Micropædia Volume 10. USA: Encyclopædia Britannica, Inc. 1995. p. 666. ISBN 0-85229-605-3. 
  11. ^There is some conjecture as to whether the Hanging Gardens actually existed, or were purely legendary (see Finkel, Irving (1988) “The Hanging Gardens of Babylon,” In The Seven Wonders of the Ancient World, Edited by Peter Clayton and Martin Price, Routledge, New York, pp. 38 ff. ISBN 0-415-05036-7).
  12. ^Kostof, Spiro (1985). A History of Architecture. Oxford: Oxford University Press. p. 9. ISBN 0-19-503473-2. 
  13. ^Gloag, John (1969) [1958]. Guide to Western Architecture (Revised ed.). The Hamlyn Publishing Group. p. 362. 
  14. ^"Panorama with the Abduction of Helen Amidst the Wonders of the Ancient World". The Walters Art Museum. 
  15. ^"Wonders of Europe". Retrieved 2009-09-14. 
  16. ^Stephanie Dalley (2013), The Mystery of the Hanging Garden of Babylon: an elusive World wonder traced. OUP ISBN 978-0-19-966226-5
  17. ^Clayton, Peter and Price, Martin: The Seven Wonders of the Ancient World (Routledge, 1988), pp. 162–163.

Further reading

  • Clayton, Peter A., and Martin Price. The Seven Wonders of the Ancient World. New York: Dorset, 1989.
  • Deliyannis, Deborah Mauskopf. “The mausoleum of Theoderic and the Seven Wonders of the World.” Journal of Late Antiquity 3, no. 2 (2010): 365-85.
  • D'Epiro, Peter, and Mary Desmond Pinkowish. What Are the Seven Wonders of the World? and 100 Other Great Cultural Lists. New York: Anchor Books/Doubleday, 1988.
  • Jordan, Paul. The Seven Wonders of the Ancient World. Harlow, UK: Longman, 2002.
  • Mueller, Artur. The seven wonders of the world: Five thousand years of culture and history in the ancient world. New York: McGraw-Hill, 1968.
  • Romer, John, and Elizabeth Romer. The Seven Wonders of the World: A History of the Modern Imagination. 1st American ed. New York: Henry Holt, 1995.

External links

Timeline and map of the Seven Wonders. Dates in bold green and dark red are of their construction and destruction, respectively.
A map showing the locations of the seven wonders of the ancient world
In this painting by Maerten van Heemskerck, the Seven Wonders of the Ancient World are depicted as a background for the abduction of Helen by Paris.[14] The Walters Art Museum

Lazio - Leonessa (RI) 1° Gara di Tiro a Palla

Sabato 20 Agosto scorso, il circolo A.N.L.C. di Leonessa (RI) presieduto da Daniele Climinti ha organizzato una gara di tiro a palla alla sagoma di cinghiale con fucili cal.12 presso il campo di tiro Viper in località San Giovenale di Leonessa.
La manifestazione, nonostante fosse alla sua prima edizione, ha avuto un notevole successo accogliendo un pubblico di diverse decine di persone e coinvolgendo ben 26 tiratori locali e dei paesi limitrofi.
Cogliamo l’occasione per complimentarci con tre dei nostri soci Papi Valerio, Laureti Daniele e Nardi Angelo che si sono classificati a primi tre posti; dal quarto al settimo abbiamo avuto Coronetta Manfredo, Coronetta Paolo, Crescenzi Massimo e Vannozzi Graziano.
Certi di poter ripetere l’evento il prossimo anno cogliamo l’occasione per ringraziare il Presidente provinciale di Rieti Aldo Alvisini, tutte le attività commerciali e artigianali che hanno contribuito per la riuscita della manifestazione e tutti i soci che si sono adoperati fin dall’inizio per organizzare la gara.

Il Presidente di Circolo
Daniele Climinti

Basilicata - Sagra del cinghiale

Il circolo LIBERA CACCIA di Castelsaraceno in collaborazione con la Segreteria Provinciale di Potenza, l’Amministrazione Comunale e l’Endas di Basilicata, ha organizzato la prima sagra del cinghiale.
La manifestazione svoltasi nel piazza centrale del paese, ai confini dei parchi nazionali del Pollino e dell’Appennino Lucano, nel cuore della Basilicata, ha visto impegnati tutti i cacciatori e rispettive signore, della sezione e squadra di caccia al cinghiale di Castelsaraceno.
Impeccabile l’organizzazione, dalla squisita prelibatezza del selvatico cucinato a regola d’arte, all’ottimo vino proveniente direttamente dalle cantine del “Grottino di Roccanova”, alla musica da ballo dell’orchestra “Articoli Vari”, al cabaret del gruppo teatrale “Attori per Caso”.
Tanta la gente che per l’occasione è giunta a Castelsaraceno, anche dai paesi limitrofi, dove ha potuto degustare e consumare (senza lasciare un solo pezzettino) circa 2 quintali di cinghiale, 1 quintale di pasta casereccia, 2 quintali di vino, una porchetta di cinghiale intera, e tanta tantissima salsiccia arrosto.
Un plauso particolare al Presidente del circolo Libera Caccia, Eugenio LACAMERA, per l’ottima riuscita della manifestazione, ed ovviamente, a tutti gli altri cacciatori e relative mogli, e quanti altri amici e sostenitori hanno collaborato per l’ottima riuscita della sagra.
Presenti alla manifestazione, il Sindaco di Castelsaraceno, il Presidente Provinciale di Potenza, il Presidente Regionale Angelo MOTTA, e diversi dirigenti di altri circoli del circondario.
Un ringraziamento particolare all’Orchestra di liscio Articoli Vari, e al Gruppo Teatrale Attori per caso, che hanno allietato la serata con musica da ballo e cabaret.

UFFICIO STAMPA
LIBERA CACCIA POTENZA

         

Umbria - Tempo sprecato…

Il nostro significativo sforzo per produrre la documentazione tecnico-scientifica e il supporto legislativo per la predisposizione della Determina sul prelievo in deroga del Fringuello è stato inutile, il denaro investito dalla Provincia di Perugia per il Convegno di Villa Fidelia sulle Deroghe è stato in pratica buttato al vento, l’attuale censimento sulla fauna migratoria che vede come protagonisti i titolari di appostamento fisso non sappiamo bene a cosa potrà servire…Regione e Province derogano su tutto, ma sul Fringuello hanno fatto un passo indietro.

Testo completo

Acquisizione e detenzione di armi

Come è noto, il decreto legislativo 26 Ottobre 2010-2011, d’ora in avanti indicato come decreto legislativo, recante “ ATTUAZIONE della direttiva 2008/51 C.E. : che modifica la direttiva 91/477/CEE relativa al controllo dell’acquisizione e delle detenzioni di armi”, pubblicato nella gazzetta ufficiale. Serie generale n 288 del 10/12/2010 entrata in vigore il 1 Luglio 2011.

Il Decreto in esame che consta di 8 articoli, prevede la modifica e l’integrazione di diverse disposizioni di legge regolanti la materia, molte delle quali tuttavia, non produrranno i propri effetti nella data anzidetta, poiché necessitano dell’adozione dei relativi provvedimenti di attuazione.
Con la presente circolare, per una corretta interpretazione delle disposizioni novellate anche riguardo alla relativa attuazione, vi comunico gli articoli che sono entrati in vigore dal 1 Luglio 2011.

L’articolo 1 del decreto legislativo definisce il campo di applicazione della direttiva.

L’articolo 2 modifica il decreto legislativo 30 Dicembre 1992 n°527, con il quale era stata recepita la direttiva 91/477/CEE. Sostituisce, poi l’art 2 del richiamato d.lgs. introducendo delle novità.

L’articolo 3 del decreto legislativo modifica gli articoli 28, 31, 35, 38, 42, 55 e 57 del R.D. 18 GIUGNO 1931, n 773, testo unico delle leggi di Pubblica Sicurezza, ed inoltre introduce l’articolo 31 bis.

L’articolo 4 modifica alcuni articoli della legge 2 Ottobre 1967, n 895, separatamente gli articoli 1, 2, 3, 4 e 5.

L’articolo 5 modifica gli articoli 2, 4, 5, 8, 10, 11, 15, 19, 20, 22, 23, della legge 18 Aprile del 1975 n 110, ed introduce alla medesima legge gli articoli 11 bis e 13 bis.

L’articolo 6 e 7 modificano le relative disposizioni finanziarie, le adesioni di alcune disposizioni, nonché le disposizioni finali.

Richiamo alla vostra attenzione l’art. 8 sesto comma, della legge 110/75, per quel che riguarda l’accertamento della capacità tecnica al maneggio delle armi. Tale nuova disposizione entrata in vigore il 1 Luglio 2011, stabilisce una presunzione di idoneità tecnica al maneggio delle armi solo nei confronti di coloro che nei 10 anni antecedenti alla presentazione della prima istanza hanno svolto o svolgono il servizio delle forze armate o in uno dei corpi armati dello stato e non più, quindi anche nei confronti dei soggetti che hanno prestato tale servizio in epoca antecedente.

In tali ultimi casi, quindi, a corredo delle prime istanze di rilascio delle autorizzazioni richiamate al medesimo articolo 8, dovrà essere presentato anche il certificato di idoneità tecnica al maneggio delle armi, da conseguire presso una sezione di Tiro a Segno Nazionale.
Si fa riserva di fornire, ove occorra, ulteriori indicazioni in merito all’attuazione del decreto legislativo tenendo conto che possono essere approntati nuovi “correttivi”.

IL SEGRETARIO GENERALE
Massimo Ceccarelli

Chi ben comincia…

Non è certo il caso di stappare bottiglie di spumante o di organizzare uno spettacolo pirotecnico, ma quanto è successo oggi pomeriggio in un programma radiofonico della Rai la dice lunga sul mutato clima che si respira in Italia.
E’ successo che, durante la popolarissima trasmissione “Un giorno da pecora” di Giorgio Lauro e Claudio Sabelli Fioretti (del quale è peraltro ben nota la passione anticaccia) è stato chiesto al neo ministro per l’Ambiente, Corrado Clini, se fosse pro o contro la caccia.

Testo completo

Cinofilia - 10° Campionato Italiano Sociale amatoriale su beccacce

Il 5 novembre 2011 si è disputato nella Z.R.C., sita in agro dei comuni Capracotta (IS) e Pescopennataro (IS), il 10° Campionato Italiano Sociale amatoriale su Beccacce dell’A.N.L.C..

Ottima l’organizzazione della manifestazione predisposta dall’Avv. Romeo Trotta, Componente dell’Ufficio di Presidenza Nazionale e Presidente Regionale della Libera Caccia del Molise.

Meravigliosi i terreni (faggete ed abetaie), numerosi e qualificati i concorrenti che hanno presentato un validissimo lotto di cani, copiosa la presenza di soci ed appassionati. Hanno giudicato, con la solita magistrale competenza, l’avv. Trotta Romeo, l’arch. Sforza Luigi, il Dr. Salvatorelli Mario, Rubolino Domenico ed il Prof. Mirto Gino; assenti, per problemi fisici, Ceci Roberto e l’avv. Rucci Franco, per situazioni contingenti, Bruno Parente, anche loro originariamente in giuria.

Questa la classifica:

A) Libera Inglesi: 1° Ecc. e titolo di Campione Italiano Sociale su Beccacce ERIKA, setter inglese condotta dal Sig. Di Santo Rocco, concorrente giunto dalla provincia di Matera. La cagna, nonostante un ottima prestazione, non ha incontrato nel turno è stata richiamata; nel richiamo si è esaltata interpretando magistralmente la prova e realizzando un punto di notevole fattura, risolto correttamente su difficile beccacia di rimessa.

Hanno favorevolmente impressionato la giuria, pur non utilizzando ben tre beccacce che si sono palesate durante i turni, anche i setter Free e Pippo dei lucani Parziale Giovanni e Viola Salvatore, il setter Flash del molisano Lardieri Fernando ed i setter Bob e Lena dei campani Lanzuise Sergio e Tacinelli Enrico, tutti cani di notevole classe.

Al termine della prova il solito lauto pranzo a base di prodotti di tipici locali (speciali il caciocavallo, la ricotta e l’agnello) presso il confortevole Hotel Capracotta e subito dopo la cerimonia di premiazione e proclamazione del campione, durante la quale la giuria ha evidenziato l’alto contenuto tecnico della manifestazione, si è complimentata con i numerosi conduttori (cosa singolare per una prova specialistica come quella su beccacce) per l’ottimo livello dei cani presentanti ed ha elogiato l’organizzazione della prova curata, come sempre nei minimi dettagli dal padrone di casa, avv. Trotta Romeo.

In particolare il noto beccacciaio Prof. Mirto ed il veterano Rubolino hanno evidenziato come questo campionato, ideato ormai ben 10 abbi orsono dal citato avv. Trotta, costituisca la massima espressione della cinofilia agonistica ed un vanto per la Libera Caccia.

Alla fine della cerimonia, l’avv. Trotta, dopo aver ringraziato tutti i presenti ed il gestore dell’albergo, Fernando Carlucci, per la squisita ospitalità, ha portato i saluti del Presidente Nazionale Paolo Sparvoli, assente per improrogabili impegni personali ed ha premiato, con una medaglia ricordo, il Sig. Ricciardella Corrado, quale concorrente”meno giovane”……… Infine ha dato appuntamento ai presenti per la prossima edizione all’organizzazione della quale sta già lavorando.

     

Pagina successiva »

Categories: 1

0 Replies to “Seven Wonders Of The World Research Paper”

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *